10-11 June 2020
Padova - Centro Culturale S. Gaetano
Europe/Rome timezone

I risultati del RUN2 a LHC hanno permesso di studiare le caratteristiche del plasma prodotto in collisioni tra nuclei pesanti con maggior precisione e usando diverse variabili: flussi ellittici, spettri di particelle, fattore di modifica nucleare, correlazioni, jet quenching, produzione di quark pesanti.

Lo studio delle collisioni protone-nucleo e protone-protone ha permesso di investigare possibili effetti collettivi legati alla molteplicità di particelle cariche. Le collisioni ultra-periferiche hanno rappresentato una sfida per gli esperimenti ed hanno fornito preziose informazioni sulle PDF dei nuclei.

L’aumento di luminosità previsto per il RUN3 e RUN4 ad LHC e i miglioramenti che verranno apportati ai rivelatori dei vari esperimenti apriranno nuove possibilità di misura per meglio comprendere la QCD in queste condizioni estreme.

Questo incontro vuole rafforzare e stimolare la discussione fra fisici teorici e sperimentali italiani impegnati in questa fisica al fine di meglio definire gli obiettivi delle analisi e degli sviluppi teorici per i prossimi anni. L’incontro è organizzato su una giornata e mezza, con interventi brevi (15-20 min) che possano aprire una ampia discussione su nuove/vecchie osservabili, nuovi modelli, nuova fisica. Ogni sessione sarà organizzata da tre conveners che riceveranno anche le proposte per possibili contributi/domande/suggerimenti tramite la sezione di "Input per discussione".

L'evento è supportato e patrocinato da:

 

Starts
Ends
Europe/Rome
Padova - Centro Culturale S. Gaetano
Auditorium
Padova

Organising committee

Secretariat

F. Antinori, INFN Padova R. Chiaratti,  INFN Padova
A. Dainese, INFN Padova A. Dalla Vecchia, INFN Padova
M. Lunardon, Univ. Padova  
A. Rossi, INFN Padova  
F. Soramel, Univ. Padova  
S. Trogolo, Univ. Padova  
R. Turrisi, INFN Padova