26-30 June 2011
Centro Culturale Altinate, Padova, Italy
Europe/Rome timezone

Study of High-Lying States in <sup>208</sup>Pb with the AGATA Demonstrator

30 Jun 2011, 15:00
17m
Sala Polivalente (Centro Culturale Altinate, Padova, Italy)

Sala Polivalente

Centro Culturale Altinate, Padova, Italy

Via Altinate 71 Padova Italy

Speaker

Roberto Nicolini (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano)

Description

An AGATA-Demonstrator (AD) experiment to study the gamma decay from giant resonances at zero temperature has been performed in June 2010 at LNL. The giant resonance modes have been excited by inelastic scattering of 17O at 20 MeV/A (the highest energy available at LNL) on a series of targets, such as 208Pb, 90Zr and 140Ce. The scattered ions have been detected by two E-∆E Si telescopes of the TRACE project, while the γ-decay have been measured by the AD coupled to an array of large volume scintillator detectors (BaF2 and LaBr3:Ce). The experiment aimed at the measurement of a known case first, 208Pb, but with improved experimental conditions, in particular concerning the energy resolution of the gamma detection. In contrast to the existing measurement concentrating mainly on the γ decay of the giant quadrupole resonance (GQR) in the 10-13 MeV range, the experiment aimed also at the measurement of the lower excitation energy region between 5 to 10 MeV, where pygmy dipole structures exist but not all of them are yet well identified. Preliminary results of the analysis will be shown.

Primary author

Roberto Nicolini (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano)

Co-authors

Adam Maj (The Henryk Niewodniczánski Institute of Nuclear Physics, Kraców, Poland) Agnese Giaz (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano) Alessandra Camplani (Università degli Studi di Milano) Alexander Bürger (University of Oslo, Norway) Andrea Gottardo (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Andres Gadea (IFIC, Valencia, Spain) Angela Bracco (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano) Anna Corsi (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano) Benedicte Million (INFN, sezione di Milano) Calin Ur (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Caterina Michelangnoli (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Ciro Boiano (INFN, sezione di Milano) Damiano Bortolato (INFN, Laboratori Nazionali di Legnaro) Daniel Napoli (INFN, Laboratori Nazionali di Legnaro) Daniele Mengoni (Università di Padova; INFN, sezione di Padova, and School of Engineering and Science, University of the West of Scotland, Paisley, Scotland-U.K) Daniele Montanari (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Dino Bazzacco (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Eda Sahin (INFN, Laboratori Nazionali di Legnaro) Enrico Calore (INFN, Laboratori Nazionali di Legnaro) Enrico Farnea (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Fabio Celso Luigi Crespi (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano) Francesco Recchia (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Franco Camera (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano) Jose Javier Valiente-Dobon (INFN, Laboratori Nazionali di Legnaro) Luna Pellegri (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano) Marco Bellato (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Maria Kmiecik (The Henryk Niewodniczánski Institute of Nuclear Physics, Kraców, Poland) Michal Ciemala (The Henryk Niewodniczánski Institute of Nuclear Physics, Kraców, Poland) Nives Blasi (INFN, sezione di Milano) Oliver Wieland (INFN, sezione di Milano) Peter Reiter (Institut für Kernphysik, Universität zu Köln, Germany) Pietro Molini (INFN, Laboratori Nazionali di Legnaro) Roberto Isocrate (Università di Padova e INFN, sezione di Padova) Ryan Kempley (University of Surrey, Guildford, UK) Sergio Brambilla (INFN, sezione di Milano) Silvia Leoni (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano) Stefano Riboldi (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano) Szymon Myalski (The Henryk Niewodniczánski Institute of Nuclear Physics, Kraców, Poland) Valeria Vandone (Università degli Studi di Milano and INFN, sezione di Milano)

Presentation Materials