26-27 May 2015
Accademia delle Scienze
Europe/Rome timezone
I risultati del RUN1 a LHC hanno permesso  di studiare le caratteristiche del plasma prodotto in collisioni tra nuclei pesanti usando diverse variabili: flussi ellittici, spettri di particelle, fattore di modifica nucleare, correlazioni, jet quenching, produzione di heavy flavours…
Lo studio delle collisioni protone-nucleo e protone-protone hanno inaspettatamente messo in evidenza possibili effetti collettivi evidenziabili attraverso variabili legate alla molteplicità. 
Le collisioni ultra-periferiche hanno rappresentato una sfida per gli esperimenti ed hanno fornito preziose informazioni sulle PDF dei nuclei.
Con il RUN2 ad LHC e con l’aumento di luminosità previsto per il RUN3 e RUN4 si aprono nuove possibilità di misura per meglio comprendere la QCD in queste condizioni estreme.
Questo incontro vuole rafforzare e stimolare  la  discussione fra fisici teorici e sperimentali italiani impegnati in questa fisica al fine di meglio definire gli obiettivi delle analisi e degli sviluppi teorici  per i prossimi anni.  L’incontro è organizzato in due mezze giornate, con interventi brevi (15-20 min) che possano aprire una ampia discussione su nuove/vecchie osservabili, nuovi modelli, nuova fisica.  Ogni sessione sarà organizzata da due conveners che riceveranno anche le proposte per possibili contributi/domande/suggerimenti tramite la sezione di "Discussion Inputs" (scadenza 9 Maggio).

Dates: from 26 May 2015 13:30 to 27 May 2015 13:50
Timezone: Europe/Rome
Location: Accademia delle Scienze
Via Zamboni, 31
Room: Aula Ulisse
Material: Slides
Additional info: Organizing Committee:

Pietro Antonioli
Silvia Arcelli
Rosario Nania
Eugenio Scapparone